NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Per saperne di piu'

Approvo

POLITICA CSAINCICLISMO SUI COOKIE

 

Cosa sono i cookie
I cookie sono dei piccoli file di dati che vengono memorizzati sul computer dell’utente durante la navigazione e svolgono varie funzioni come ricordare i dati del login ai servizi, raccogliere informazioni statistiche sulle pagine visitate, identificare il browser e il dispositivo utilizzati, selezionare contenuti e comunicazioni mirati a seconda delle proprie preferenze e altro ancora.

 

I cookie possono essere di vario tipo, a seconda della tipologia dati che memorizzano e di quanto tempo restano memorizzati sul dispositivo dell’utente.

I cookie di sessione, o temporanei sono quelli scadono o vengono cancellati alla chiusura del browser, mentre quelli persistenti hanno scadenze più lunghe (da pochi minuti a mesi interi) a seconda delle funzioni che svolgono. Sono proprio queste funzioni che distinguono i cookie in due categorie: tecnici e non tecnici (o di profilazione).

 

I cookie tecnici gestiscono i dati necessari all’erogazione delle pagine e facilitano la navigazione, permettendo, ad esempio, di non dover reinserire user e password per accedere a particolari servizi, di ricordare l’ultima pagina visitata o fino a che punto si è visto un video, di riconoscere il tipo di dispositivo in uso e di adattare le dimensioni delle immagini di conseguenza. I cookie tecnici consentono inoltre di effettuare analisi statistiche aggregate sulle pagine più visitate e sulle preferenze degli utenti, ma solo in forma anonima, e non vengono utilizzati per analizzare il comportamento o le preferenze dei singoli utenti.

 

I cookie di profilazione, invece, vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione ed erogare, ad esempio, contenuti, anche pubblicitari, mirati a particolari interessi.

I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).

 

Il sito ADFSalute utilizza sulle sue pagine cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza sul proprio sito, adattandolo, ad esempio al dispositivo in uso, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati.

 

Plug-in di terze parti (es Google, Facebook) raccolgono dati utilizzando i cookie per effettuare statistiche di navigazione.

 

I dati raccolti non saranno utilizzati direttamente dallo ADFSalute per profilazione a scopo commerciale. Non è comunque possibile assicurare il medesimo riguardo per plug-in di terze parti inclusi nel sito ADFSalute.

 

IMAGE Legge per la Concorrenza
Giovedì, 03 Agosto 2017
  Dichiarazione di Mauro Giombini, Presidente ADF  sulla nuova Legge per la Concorrenza... Read More...

IN PRIMO PIANO

Legge per la Concorrenza

 

Dichiarazione di Mauro Giombini, Presidente ADF

 sulla nuova Legge per la Concorrenza

                           

In primis una considerazione sui sempre criticati tempi della politica, che ha approvato in ben oltre due anni il DDL concorrenza,comprendenteperaltroampie misure riguardanti una pluralità di settori, tra cui le farmacie.L’evidente e non proprio giustificabile ritardo questa volta si è tradotto alla fine in un vantaggio per chi ha saputo usarlo per presentarsi a questo appuntamento con piani precisi.

E non mi riferisco tanto a progetti di investimento per acquisizioni di farmacie allo scopo di realizzarecatene (peraltro ne esistono già numerose gestite in società miste con le municipalizzate che funzionano egregiamente e non hanno di certo stravolto il sistema) quanto a progetti di sviluppo di network a supporto di farmacie indipendenti, un modello che vedremo crescere sempre più nel prossimo futuro.

I due anni e mezzo trascorsi dall’inizio dell’iter del DDL che dà la possibilità al capitale privato di entrare entro certi ed ampi limiti nelle farmacie hanno consentito di determinare una sorta di “par condicio“ tra tutti gli attori della distribuzione, consentendo a chi era ben lontano dall’aver sviluppato e realizzato sistemi di aggregazione di elevato contenuto professionale per le farmacie indipendenti di recuperare tempo prezioso, da riversare nella aperta competizioneche attende il settore.

E ciò a prescindere dalla natura giuridica o dal capitale di appartenenza degli attori della distribuzione intermedia.

Tant’è vero che la liberalizzazione è stata in qualche modo evocata dagli organi associativi dei farmacisti stessi a motivo delle crescenti difficoltà finanziarie di un elevato numero di farmacie associate, con la correlata preoccupante caduta del valore patrimoniale della farmacia. 

Perché essere positivi in questa nuova fase dell’assetto distributivo della filiera del farmaco?

Perché le farmacie in catena, le farmacie indipendenti aggregate in reti così come le farmacie individuali, tutte le farmacie nel loro insieme, sono portate a sviluppare ancora maggior valore per il sistema salute, e aumenteranno il loro sforzo e la loro attenzione da sempre notevoleverso il paziente/cliente,grazie anche alle sinergie, economie di scala e soprattutto allo sviluppo di sempre nuovi servizi, che peraltro già si vedono con chiarezza nelle evoluzioni  già realizzate nel settore, affiancate da numerosi player della distribuzione intermedia.

A me sembra davvero una grande opportunità da cogliere per il più classico dei  risultati win-win, con in più un vincitore finale, che è proprio il paziente/cliente.

È questo quanto mi sento di dire in rappresentanza delle 34 aziende aderenti all'ADF, attraverso le quali passa oltre il 60% degli acquisti delle farmacie italiane, a conferma della assoluta affidabilità e riconoscibilità di questo tessuto imprenditoriale.

                                                                                                                               

                                                                                                                                          Giovedì 3 agosto 2017

_____________________________________________________________________________

L’ADF – aderente a Confcommercio ed al GIRP (European Healthcare Distribution Association) - riunisce 34 aziende che rappresentano il 62% del fatturato intermediato dai grossisti in Italia. Attraverso 121 siti logistici raggiungiamo fino a quattro volte al giorno tutte le oltre 18.000 farmacie e gli altri esercizi autorizzati alla dispensazione del farmaco, effettuando oltre 90.000 consegne al giorno con mezzi di trasporto coibentati, refrigerati, che tengono conto delle necessità di trasporto dei medicinali, quindi catena del freddo, temperature controllate e monitorate. Ma il grossista full-line all'interno di magazzini altamente automatizzati non tratta soltanto medicinali, bensì tutti i prodotti venduti in farmacia, mediamente 90/100.000 referenze. Oltre alla distribuzione convenzionata territoriale, va inoltre sottolineato il ruolo essenziale svolto dai distributori intermedi nella Distribuzione Per Conto delle Regioni (DPC).

 

Per informazioni: ADF-Area Relazioni Esterne tel. 06-4870148 

Legge per la Concorrenza

Allegati:
FileData DocumentoDimensione del File
Scarica questo file (DDL Concorrenza - Mauro Giombini.pdf)DDL Concorrenza - Mauro Giombini.pdf03/08/2017149 kB

Rinnovato il vertice ADF

Rinnovato il vertice ADF

Rinnovato il vertice ADF - Mauro Giombini confermato Presidente

                           

L’ADF ha rinnovato il proprio Consiglio Direttivo nell’assemblea odierna presieduta da Carmelo Riccobono, vice-presidente uscente.

Il Consiglio neo-eletto ha quindi confermato Mauro Giombini alla guida dell’Associazione.

Quattro i vice-presidenti: Ornella Barra (Past-President), Alessandro Albertini, Alessandro Morra e Luca Sabelli.

Il nostro settore sta attraversando una fase di rapida e profonda mutazione” ha dichiarato il Presidente Giombini “e questo spiega perché i nostri Associati abbiano preferito dare un segnale di stabilità, confermando molti dei propri rappresentanti”.

“Siamo pronti alle nuove sfide tenendo ben presente che la distribuzione farmaceutica rifornisce le farmacie italiane ai costi più contenuti d’Europa e – assieme alle farmacie – assicura ai cittadini che i farmaci arrivino sicuri e veloci. Siamo fortemente convinti che le sfide del futuro si affrontino e si vincano sul terreno della qualità e dell’efficienza”.

L’ADF – aderente a Confcommercio ed al GIRP (European Healthcare Distribution Association) - riunisce 34 aziende che rappresentano il 62% del fatturato intermediato dai grossisti in Italia. Attraverso 121 siti logistici raggiungiamo fino a quattro volte al giorno tutte le oltre 18.000 farmacie e gli altri esercizi autorizzati alla dispensazione del farmaco, effettuando oltre 90.000 consegne al giorno con mezzi di trasporto coibentati, refrigerati, che tengono conto delle necessità di trasporto dei medicinali, quindi catena del freddo, temperature controllate e monitorate. Ma il grossista full-line all'interno di magazzini altamente automatizzati non tratta soltanto medicinali, bensì tutti i prodotti venduti in farmacia, mediamente 90/100.000 referenze.

Oltre alla distribuzione convenzionata territoriale, va inoltre sottolineato il ruolo essenziale svolto dai distributori intermedi nella Distribuzione Per Conto delle Regioni (DPC).

Allegati:
FileData DocumentoDimensione del File
Scarica questo file (Consiglio Direttivo ADF 2017-2020.pdf)Consiglio Direttivo ADF 2017-202006-07-2017344 kB

ADF al Convegno nazionale SIFO

 ADF al Convegno nazionale SIFO

  

“Le realtà del Distributore sul territorio nazionale”

 

 

L’ADF rappresenta i distributori farmaceutici full-line che rivestono da sempre un ruolo fondamentale nella dispensazione del farmaco, e oggi più che mai costituiscono una risorsa fondamentale per i partners della catena del farmaco, siano essi pubblici che privati”, è quanto sottolinea Walter Farris, direttore generale ADF (Associazione Distributori Farmaceutici).

Il DG ADF ha partecipato al Congresso nazionale dei farmacisti ospedalieri tenutosi a Milano con una relazione che mirava a presentare i Distributori Farmaceutici alla vasta platea dei partecipanti, ponendo in evidenza non soltanto chi sono, cosa fanno e come lo fanno, ma sottolineando anche come la funzione fondamentale della categoria sia a volte semplicemente misconosciuta ai più.

Pertanto non è mai superfluo ribadire che i Grossisti farmaceutici a pieno assortimento svolgono un servizio pubblico essenziale sottoposto a stringenti obblighi normativi, ai massimi livelli qualitativi e ai minor costi possibili e hanno sempre saputo adeguarsi costantemente ed efficacemente alle molteplici esigenze delle diverse realtà territoriali, sia nella distribuzione convenzionata che nella DPC.

All’efficace slogan scelto dalla SIFO per la quattro giorni milanese “Facciamo Quadrato per la salute di tutti», ADF aggiunge perciò l’esortazione «Facciamo Squadra per la salute di tutti», sottolineando la necessità di rendere sempre più attivo e sinergico lo scambio tra tutti gli stakeholders del settore.

“Nel reciproco rispetto dei ruoli e delle funzioni, occorre cooperare insieme in maniera da sviluppare le più efficaci sinergie a vantaggio del nostro SSN e della salute di tutti i cittadini” - conclude Walter Farris – e gli Associati ADF accolgono quindi con estremo favore ogni iniziativa che mira a coinvolgere tutti gli attori del sistema, ben consci di svolgere con il massimo impegno l’essenziale ruolo di servizio pubblico della distribuzione intermedia del farmaco”.

 

(mpm-5/12/2016)

ADF in audizione alla Camera

 
ADF in audizione alla Camera

Farmaci contraffatti

ADF: “Il canale grossista-farmacia non è infiltrabile”

-        Il canale ufficiale grossista-farmacie non è infiltrabile dai contraffatti, come sembra invece essere il canale on-line. Grazie ai severi e molteplici controlli durante tutti i passaggi, la filiera assicura in Italia la pressoché totale assenza del fenomeno per i medicinali venduti in farmacia.

-        Regolamentazione europea con le 3 misure previste dalla Direttiva UE 2011/62/UE Anti-contraffatti con le disposizioni sulla tracciabilità europea e le caratteristiche di sicurezza che figureranno  sulle confezioni dei medicinali e prevede un sistema basato su 3 elementi:

  1. Identificativo univoco (=Codice unico di identificazione di ogni confezione)

2. Caratteristiche di sicurezza (=sigillo anti-manomissione)

3. Autenticazione

Regolamentazione che non richiederà al grossista la registrazione del codice di ogni confezione, in quanto incompatibile con l’attuale tempistica delle consegne che avvengono rapidamente entro le due ore dall’ordine del farmacista.

Questi i principali temi che ieri, in audizione alla Camera, la delegazione ADF ha illustrato ai parlamentari della Commissione d'inchiesta sulla contraffazione della Camera dei deputati, presieduta dall'on. Mario Catania, che sta svolgendo un approfondimento sul tema "Contraffazione e farmaci". Relatore su tale materia è l'on. Paolo Russo.

Oggetto dell’approfondimento sono le forme che la contraffazione assume nel settore del farmaco, i problemi connessi alla tracciabilità dei prodotti farmaceutici come strumento di lotta ai fenomeni illeciti, nonché il fenomeno in espansione del commercio illegale di farmaci tramite il commercio elettronico.

n

Allegati:
FileData DocumentoDimensione del File
Scarica questo file (Resoconto audizione ADF su contraffatti.pdf)Resoconto stenografico10/02/2017196 kB
Scarica questo file (Audizione ADF Commissione Anticontraffatti Camera Deputati.pdf)ADF in audizione alla Camera: \"Il canale grossista-farmacia non è infiltrabile\"10/02/2017258 kB
Scarica questo file (Sito della Camera.pdf)Audizione ADF-sito Camera Deputati10/09/2017238 kB
Scarica questo file (Resoconto sommario.pdf)Resoconto sommario09/02/201750 kB

Seminario Cergas-Bocconi su Distribuzione Diretta di Farmaci in Italia

Seminario Cergas-Bocconi su Distribuzione Diretta di Farmaci in Italia                    

Il 27 settembre si è tenuto il seminario Cergas-Bocconi “Passato, presente e futuro della distribuzione diretta di farmaci in Italia”.

Il Direttore Generale ADF, dr. Walter Farris, invitato per l’occasione, ha presentato una relazione dal titolo “Dalla Legge 405/2001 a oggi: l’attuale stato dell’arte della distribuzione diretta di farmaci in Italia”.

La prof.ssa Erika Mallarini, docente di Public Management all’Università Bocconi, ha tenuto la relazione intitolata “Nuove sfide della supply chain: competition, industria e distribuzione farmaceutica per creare valore”

Allegati:
FileData DocumentoDimensione del File
Scarica questo file (Associati_Programma_DistribuzFarma_DEF.pdf)Programma27/09/2016167 kB

Banca Dati Regionale

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

ItaliaCMS

Calendario

Agosto 2017
D L M M G V S
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
Nessun evento